Notizie in evidenza:
Oggi è:
sabato 04 febbraio 2023

PENSIONE ANTICIPATA 2018

caf

PENSIONE ANTICIPATA 2018

L’Ape Aziendale 2018, insieme all’Ape social e all’Ape volontaria, è la terza componente del nuovo meccanismo di accesso alla pensione anticipata.

Che cos’è l’Ape aziendale 2018?

L’Ape aziendale, è una delle 3 forme di anticipo pensionistico messe in campo dal Governo al fine di consentire e facilitare l’accesso alla pensione anticipata da parte dei lavoratori che vogliono uscire prima dal mondo del lavoro, ovvero prima del raggiungimento dei requisiti della pensione di vecchiaia.

L’anticipo pensionistico 2018 è quindi costituito da 3 forme di Ape:

  • Ape volontaria 2018:  è richiedibile in via sperimentale dal 1° maggio 2017 al 31 dicembre 2019 dai lavoratori pubblici e privati, autonomi ed iscritti alla gestione separata fatta eccezione dei liberi professionisti iscritti alle casse professionali
  • Ape social 2018 richiedibile sempre fino al 31 dicembre 2019 solo da alcune categorie di lavoratori.
  • APe aziendale 2018: richiedibile fino al 31 dicembre 2019 per le sole aziende interessate da un piano di ristrutturazione aziendale ma che si può applicare anche a un lavoratore in aspettativa o assente per motivi tutelati dalla legge.

Come funziona?

– l’APe aziendale 2018 prevede che in via sperimentale dal 1° maggio 2017 al 31 dicembre 2019, i lavoratori in possesso di determinati requisiti possano accedere al cd. anticipo finanziario a garanzia pensionistica.

– con l’APe aziendale è possibile lasciare il lavoro in anticipo e andare in pensione 3 anni e 7 mesi rispetto ai requisiti ordinari.

– accedono all’APe aziendale solo i lavoratori in esubero, l’azienda infatti deve trovarsi in una situazione di ristrutturazione o di crisi aziendale: in questo modo, l’APe, consente di favorire l’accompagnamento alla pensione per quanti sono vicini al pensionamento.

– L’APE aziendale è un prestito erogato dalla banca che viene corrisposto su 12 mensilità ai lavoratori con almeno 63 anni di età e con almeno 20 anni di contributi versato che maturano il diritto alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi dalla domanda, a condizione che l’importo della pensione, al netto della rata di ammortamento corrispondente all’APE richiesta per il tramite dell’INPS, sia pari o superiore a 1,4 volte il trattamento minimo previsto nell’assicurazione generale obbligatoria.

– La restituzione del prestito, che ricordiamo esser coperto da una polizza assicurativa obbligatoria per il rischio di premorienza, inizia solo una volta maturato il diritto alla pensione di vecchiaia ed avviene sulla base di rate mensili della durata massima di 20 anni.

Chi ha diritto all’APe aziendale 2018?

  • lavoratore iscritto all’AGO, Assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti;
  • lavoratore iscritto alle forme sostitutive ed esclusive AGO;
  • lavoratore iscritto alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi;
  • lavoratore iscritto alle alla gestione separata.

Ape aziendale 2018 requisiti:

  • avere un’età minima di 63 anni al momento della presentazione della domanda di APE;
  • avere un’età che consenta la maturazione del requisito anagrafico per la pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi dalla prima data utile di presentazione della domanda di APE;
  • avere un’età che consenta la maturazione del requisito anagrafico di cui alla precedente lettera b) non prima di sei mesi precedenti alla prima data utile di presentazione della domanda di APE;
  • avere un’anzianità contributiva non inferiore a 20 anni;
  • per i lavoratori con il primo accredito contributivo a partire dal 1° gennaio 1996, l’importo di pensione deve essere non inferiore a 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale di cui all’articolo 3, comma 6, della legge n. 335 del 1995, alla data della domanda di certificazione del diritto all’APE;
  • l’importo pensione, al netto della rata di ammortamento corrispondente all’APE richiesta, deve essere pari o superiore a 1,4 volte il trattamento minimo previsto nell’assicurazione generale obbligatoria, alla data della domanda di certificazione del diritto all’APE.

In pratica i requisiti Ape aziendale sono gli stessi dell’APe volontaria con la differenza che i costi APe e la penalizzazione sull’assegno, sono a carico dell’azienda e non sul lavoratore.

C.A.F. UNSIC

Via Quattro Novembre, 56 Soccavo (NA)

tel.: 081-7283953

e-mail.: cafunsicsoccavo@gmail.com

Direttore editoriale
Nessun commento

Rispondi

*

*

POST POPOLARI