Notizie in evidenza:
Oggi è:
domenica 29 gennaio 2023

CAMPANILISMO E’ BELLO, DIFENDIAMO CIO’CHE AMIAMO

storia maglie napoli

Non è mai successo dal 1926, anno della fondazione del Calcio Napoli, fino ai giorni nostri, di avere una società sportiva così sana, solida e vincente che fosse in grado di operare con successo sul territorio campano e di far sognare i tifosi facendoli guardare al futuro sempre con serenità e la speranza di crescere.
Troppo aspre sono le critiche che alcuni rivolgono, in questi giorni, alla Società Sportiva Calcio Napoli.
Sembrano davvero esagerati i toni di una contestazione, figlia, forse, anche di secondi fini e rancori personali.
Criticare è un diritto ma gli striscioni apparsi in città contro Aurelio De Laurentiis sono un po’eccessivi e anche ingiustamente offensivi.
Nei momenti di difficoltà e di incertezza sarebbe più opportuno fare fronte comune e valorizzare ciò che si ha per tutelare un prodotto positivo che vien fuori dalla nostra terra.
Sembra quasi che ci sia un’intrinseca predisposizione del napoletano verso l’esaltazione di ciò che fanno gli altri a scapito di quel che viene dalla nostra stessa città.
Lo aveva sottolineato brillantemente Raffaele Viviani già nel 1931 con la poesia “Campanilismo”, nella quale notava come ognuno tendesse ad esaltare le cose buone fatte da personaggi della  propria città mentre a Napoli questo non accadesse.
Dove è finito quel pizzico di sano campanilismo che dovrebbe aiutarci a far fronte comune?
Come direbbe Viviani:
“[…] Campanilismo bello, addò si ghiuto?
facimmolo nuie pure
comme a ll’ate
si no p’ ‘a gente ‘e Napule

È fernuto,

e nun sarrammo maie

considerate […]”

 

Direttore editoriale
Nessun commento

Rispondi

*

*

POST POPOLARI