Chairman-E-Cornut_AG-Aleotti_-Ceo-Elcin-Barker_-Lucia-Aleotti_-Eike-Schmidt-Uffizi_M-Tamassia-San-Marco_R-Villa-Author

PRESENTATO A FIRENZE IL VOLUME SUL BEATO ANGELICO DEL GRUPPO MENARINI

Chairman-E-Cornut_AG-Aleotti_-Ceo-Elcin-Barker_-Lucia-Aleotti_-Eike-Schmidt-Uffizi_M-Tamassia-San-Marco_R-Villa-Author

PRESENTATO A FIRENZE  IL VOLUME  SUL BEATO ANGELICO DEL GRUPPO MENARINI

Il Direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt ha presentato a Firenze la monografia che il colosso farmaceutico di origini partenopee ha dedicato all’artista.

 

Napoli, 30 settembre 2019. La delicatezza del Beato Angelico entra nella collana d’arte di Menarini. Il Colosso mondiale con DNA partenopeo infatti, ha impreziosito la sua storica collana d’arte con un volume dedicato al Santo Patrono degli artisti, in collaborazione con Pacini Editore. Frate domenicano e pittore rinascimentale, Beato Angelico realizzò gran parte delle sue opere a Firenze nel convento di San Marco. E Menarini ha presentato la monografia a lui dedicata nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università degli Studi di Firenze, a pochi passi dal luogo in cui il frate artista ha vissuto: “Con il volume su Beato Angelico Menarini rinnova una storica tradizione artistica – hanno affermato Lucia e Alberto Giovanni Aleotti, membri del board e azionisti di riferimento di Menarini – siamo fortunati ad essere un’azienda fiorentina che vive immersa in una bellezza infinita artistica, la culla del Rinascimento italiano e mondiale. Quindi, organizzare eventi come questo fa parte del nostro Dna, perché noi intendiamo sempre valorizzare la bellezza meravigliosa che abbiamo intorno“.

Beato Angelico – le fa eco il Direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt, che ha presentato il volume con l’autore Renzo Villa –  è uno dei pittori più importanti e poetici del Quattrocento. Il soprannome con cui è conosciuto descrive perfettamente la dolcezza ultraterrena che connota il suo stile. Questa  pubblicazione esce pochi giorni dopo la chiusura della spettacolare mostra sul pittore tenutasi al museo del Prado, densa di novità. Proprio a Firenze sorge il museo di San Marco, uno spazio che è stato la casa del Beato Angelico e che accoglie la maggior parte dei suoi capolavori. Personalmente – ed ora posso dirlo con la massima schiettezza, visto che l’unificazione di San Marco con gli Uffizi è stata da pochi giorni rescissa – lo ritengo uno dei musei più belli del mondo

Direttore editoriale

POST POPOLARI